07
Ago 20

Bilancio 2019: il Gruppo ORI Martin chiude in positivo l’esercizio. Prosegue il consolidamento con 5 acquisizioni

Investimenti, in nuove tecnologie ma anche in ambiente e sicurezza, acquisizioni e consolidamento: queste le parole chiave dell’esercizio 2019 per ORI Martin. Dopo un 2018 che ha conseguito dati eccezionali, il Gruppo ha fatto registrare una posizione finanziaria netta è pari a 71,55 milioni, mentre il patrimonio netto ammonta a 383,67 milioni. I ricavi delle vendite salgono a 583 milioni di euro (+1,5% rispetto al 2018), e l’EBITDA si attesta a 78,8 milioni, pari al 13, 5% del fatturato.

Gli investimenti complessivamente effettuati dal Gruppo nell’esercizio 2019 sono stati di circa 32 milioni di euro. Hanno interessato principalmente l’ammodernamento dei forni e la relativa automazione in ottica 4.0; un nuovo forno di riscaldo nell’impianto di laminazione di Ferrosider a Ospitaletto; il completamento e la messa in funzione dell'impianto di bonifica e trafila rotoli; l’installazione di nuove linee per le lavorazioni di pelatura.

Il Gruppo ha inoltre confermato un significativo incremento degli investimenti in ambiente e sicurezza, come avviene da alcuni anni a questa parte.

Nell’ultimo anno è proseguito anche il processo di consolidamento del Gruppo. Nel corso del mese di maggio ORI Martin ha rilevato infatti il 100% delle quote della Sapes Spa, mentre nel mese di ottobre sono state completate le acquisizioni di ORI Martin Deutschland GmbH (100%), ORI Martin France Sàrl (100%), Trafileria Lariana Drawing Steels Spa (70%) e Lariana Annealing Steels Srl (70%).

Cliccando sul PDF sotto è possibile scaricare il comunicato stampa relativo al Bilancio consolidato 2019.